Studio Legale Mongiovì

Informazione giuridica a cura dell'Avv. Danilo Mongiovì

Contenuto principale della pagina

Utilizziamo i cookie. Proseguendo con la navigazione accetti. Maggiori informazioni.

Cartella su verbale non notificato - ricorso o citazione?




Nel caso in cui si riceva una cartella di pagamento basata su un verbale per multa stradale mai correttamente notificato o non tempestivamente notificato, quale rimedio processuale si deve utilizzare?

Teoricamente esistono due possibilità:

  1. Ricorso al Giudice di Pace entro il termine di 30 giorni, decorrente dalla notifica della cartella, in funzione recuperatoria.
    La giurisprudenza ha enucleato, infatti, il principio in base al quale, nel caso di mancata notifica del verbale, il trasgressore può recuperare la tutela offerta dalla possibilità di presentare ricorso, proponendolo contro la cartella; cioè contro il primo atto correttamente notificato, attraverso il quale sia finalmente venuto giuridicamente a conoscenza dell'esistenza del verbale.
    In altre parole, il trasgressore può impugnare la cartella come se fosse il verbale e quindi entro 30 giorni dalla notifica della stessa.

  2. Un'altra possibilità è la citazione in opposizione a precetto ex art. 615 c.p.c. I comma, dinanzi al giudice competente per materia e per valore, che per quanto concerne le multe stradali sarà quindi quasi sempre il Giudice di Pace.

    Ed infatti, la mancata o intempestiva notifica del verbale comporta la decadenza dell'Ente creditore dal diritto di riscuotere le somme e la cartella di pagamento equivale ad un precetto.
    E l'art. 615 cit. dispone esattamente che quando si contesta il diritto del creditore a procedere ad esecuzione e questa non è ancora iniziata (si ricorda che l'esecuzione inizia con il pignoramento, e non con il precetto) il debitore può agire con citazione in opposizione al precetto.

La differenza tra le due soluzioni è rilevante, soprattutto se si considera che mentre il ricorso può essere presentato entro 30 giorni dalla notifica della cartella, l'opposizione al precetto non soggiace a nessun termine particolare.

E' appena il caso di sottolineare che, se un Giudice ritiene che lo strumento corretto sia quello dell'opposizione a precetto, nessun danno concreto subirà il trasgressore che abbia proposto il ricorso; ed infatti, il Giudice si limiterà a riqualificare l'atto introduttivo e, stante l'inesistenza di specifici termini entro i quali l'opposizione a precetto può essere proposta, l'azione sarà sempre considerata tempestiva.

Nel caso in cui, al contrario, il Giudice sia dell'opposto avviso, riqualificata una eventuale citazione in ricorso, dovrà verificare che la causa sia stata iscritta a ruolo entro 30 giorni dalla notifica della cartella ed in caso contrario dovrà dichiarare intempestivo il ricorso.

Ma quale delle due soluzioni è quella corretta?
La Cassazione non ha maturato un orientamento consolidato.
In particolare, mentre la Seconda Sezione ritiene che si debba utilizzare lo strumento dell'opposizione a precetto, la Terza Sezione ha più volte stabilito che si deve applicare la disciplina del ricorso, con conseguente applicazione del termine di 30 giorni.

Dinanzi a tale contrasto giurisprudenziale, finalmente, con l'ordinanza n. 21957 del 28 ottobre 2016, la Terza Sezione della Corte di Cassazione ha rimesso gli atti al Primo Presidente della Corte, per la eventuale assegnazione alle Sezioni Unite.

Siamo quindi in attesa che le Sezioni Unite risolvano il contrasto.
E nell'attesa, alcune mie considerazioni sulla questione.

Ci sono buoni argomenti sia a favore dell'una che dell'altra tesi.
Ed infatti, a me pare incontrovertibile che nel caso di mancata, invalida o intempestiva notifica, sussistano perfettamente tanto i presupposti per il ricorso, quanto quelli per l'opposizione al precetto.

Con il ricorso, invero, si possono fare valere tutti i vizi del verbale, compreso certamente quello di notifica. Ma nel caso specifico del verbale per multa stradale, il vizio di notifica produce anche l'effetto di far decadere l'Ente creditore dal diritto alla riscossione (sempre, ovviamente, che l'Ente non ri-notifichi, questa volta validamente, entro il termine di 90 giorni), così contemporaneamente materializzando anche il presupposto per l'opposizione al precetto.

Probabilmente chi ritiene si debba utilizzare lo strumento del ricorso, parte dal presupposto che, una volta che il trasgressore sia venuto a conoscenza dell'esistenza del verbale con la notifica della cartella, il mancato utilizzo dello strumento del ricorso abbia l'effetto di confermare in ogni caso definitivamente il verbale.

Io ritengo tuttavia che sia auspicabile ammettere la doppia tutela (ricorso e citazione), in quanto ciò porterebbe ad un assetto della disciplina più pratico e funzionale.

Nella realtà processule quotidiana, infatti, molto spesso il vizio di notifica del verbale non è l'unico motivo sul quale si fonda la richiesta di annullamento. Ad esso si affianca quasi sempre il motivo basato sulla prescrizione.
Bene, l'estinzione per prescrizione è senza alcun dubbio eccezione che si deve far valere con l'opposizione al precetto.

Nel caso in cui le Sezioni Unite dovessero propendere per il ricorso, allora, come ci si dovrebbe comportare tutte quelle volte, la maggior parte, in cui si fa valere tanto il vizio di notifica del verbale, quanto la prescrizione?

Con questa domanda, restiamo in attesa della pronuncia delle Sezioni Unite.

Tags: 


Calcolo Termini


Casi specifici
Puoi selezionare un caso specifico, oppure inserire manualmente il termine.
Giorni
Seleziona questa casella solo se l'infrazione è stata immediatamente contestata al trasgressore e tu non sei il trasgressore, ma solo il proprietario del mezzo. Es. Tuo figlio (o un tuo amico) è alla guida del tuo mezzo, lo fermano e gli fanno una multa con lui presente, e poi notificano il verbale a te. In questo caso devi selezionare la casella. Se, invece, tuo figlio (o il tuo amico) non era presente al momento della contestazione (es. aveva lasciato l'auto in divieto di sosta), allora lascia la casella vuota.

ATTENZIONE: Vale solo per le regioni che applicano il termine di prescrizione triennale. Maggiori informazioni

90gg se il luogo della notificazione si trova in Italia, 150gg se si trova all'estero.

45gg se il luogo della notificazione si trova in Italia, 75gg se si trova all'estero.

30gg dalla notifica della sentenza se il luogo della notificazione si trova in Italia, 40gg se si trova all'estero.

60gg se il luogo della notificazione si trova in Italia; 90gg se si trova all'estero.

Giorni
Giorni
Giorni

Inserisci la data in cui doveva essere effettuato il pagamento.

Devi inserire la data in cui l'infrazione al codice della strada è stata accertata. Questa data non sempre coincide con quella in cui la violazione è stata commessa, ma può essere successiva.
Per sapere in che data l'infrazione è stata commessa devi leggere il verbale.
ATTENZIONE: non sempre il verbale deve essere notificato. Leggi qui.


Se vuoi, puoi, usare questo nostro strumento per verificare la regolarità della notifica ed elaborare gratuitamente un ricorso.

Devi inserire la data in cui si è verificata l'ultima interruzione della prescrizione. Questa data è, in genere, quella in cui si è formalizzata la notifica dell'ultimo atto con il quale ti hanno chiesto di pagare (notifica verbale, cartella di pagamento, sollecito ecc.). Oppure, se non ti hanno mai notificato richieste di pagamento, essa coincide con la data in cui hai commesso l'infrazione.

Devi inserire la data in cui la violazione ti è stata personalmente contestata o, in mancanza di contestazione immediata, la data in cui si è formalizzata la notifica del verbale.

Inserisci la data in cui si è formalizzata la notifica dell'atto che intendi impugnare.

Inserisci la data dell'udienza di trattazione.

Inserisci la data dell'udienza.

Inserisci la data dell'udienza di precisazione delle conclusioni o di rimessione al Collegio.

Inserisci la data in cui il tuo ricorso è stato ricevuto. Questa data non necessariamente coincide con quella in cui lo hai inviato, ma può essere successiva.

Inserisci la data in cui l'ordinanza è stata emessa.

Inserisci la data in cui è scaduto il termine per il pagamento o hai ricevuto l'ultimo atto interrutivo.

Inserisci la data in cui è scaduto il termine per il versamento a saldo, generalmente ciò avviene a giugno dell'anno successivo a quello per cui sono versati i contributi, leggi qui.

Se sono stati notificati atti interruttivi, inserisci la data in cui si è formalizzata per il mittente la notifica dell'ultimo che hai ricevuto.

ATTENZIONE: Se i contributi sono precedenti al '96, potrebbe applicarsi il termine decennale. In questo caso, non usare questro calcolatore di termini.

Inserisci la data in cui si è formalizzata per te la notifica dell'avviso di addebito.

Inserisci la data della comunicazione dell’ordinanza di regolamento o dell’ordinanza che dichiara l’incompetenza del giudice adito. ATTENZIONE: solo se il termine non è stato esplicitamente fissato dal giiudice con l'ordinanza.

Inserisci la data dell'udienza in cui il teste deve essere sentito.

Inserisci la data in cui si è formalizzata la notifica della citazione.

Inserisci la data dell'udienza di comparizione

Inserisci la data dell'interrizione del processo.

Inserisci la data di scadenza del termine di costituzione del convenuto o del provvedimento di cancellazione.

Inserisci la data di notifica della sentenza.

Inserisci la data di notifica del precetto.

Inserisci la data del pignoramento.

Inserisci la data in cui l'Ufficiale Giudiziario ha riconsegnato gli atti.

Inserisci la data della comunicazione di avvenuta consegna.

Inserisci la data di notifica del precetto, del titolo esecutivo o del compimento del singolo atto a cui opporsi.

Inserisci la data in cui è passata in giudicato la sentenza di 1° grado o è stata comunicata la sentenza di appello.

Inserisci la data di notifica del decreto ingiuntivo.

Inserisci la data di pronuncia del decreto ingiuntivo

Termine

Il termine è di 10gg.

Il termine è di 5gg.

Termine

Il termine è di 20gg.

Il termine è di 10gg.

Natura del termine
Richiesta di audizione
Inserisci la data in cui si è svolta o si dovrà svolgere l'audizione personale. Se non ti sei presentato, inserisci la data in cui l'audizione era prevista.
Solo per la città di Roma, la legge dispone che il giorno 29 giugno è festivo.
Qui apparirà il risultato

Verificare sempre il calcolo, calendario alla mano. Il responso fornito da questo strumento non equivale a consulenza.

Per segnalare malfunzionamenti o suggerire modifiche, clicca qui.