Studio Legale Mongiovì

Informazione giuridica a cura dell'Avv. Danilo Mongiovì

Contenuto principale della pagina

Utilizziamo i cookie. Proseguendo con la navigazione accetti. Maggiori informazioni.

Cassazione Civile, sez. III, 14-03-2008, n. 7056




Cassazione Civile, sez. III, 14-03-2008, n. 7056

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto notificato il 23.11.99 B.L. conveniva in giudizio dinanzi al Giudice di pace di Parma il Comune della stessa città, chiedendone la condanna alla restituzione di L. 265.000 pagate per una sanzione illegittimamente comminatagli ed annullata dalla A.G., nonchè al risarcimento dei danni subiti per colpa del v.u. C.G. che, nell'espletamento del suo servizio, aveva proceduto illegittimamente al sequestro della carta di circolazione della propria autovettura, così impedendogli di usarla per circa un mese con conseguenti spese per trasporto e custodia della stessa.

Il Comune di Parma si costituiva eccependo l'infondatezza delle avverse domande ed evidenziando, quanto alla seconda, che era stato piuttosto il B. a rifiutare la restituzione del documento.

Espletata l'istruttoria, il giudice adito condannava il Comune a restituire al B. la somma richiesta, maggiorata di interessi, e respingeva la domanda di risarcimento danni.

Il B. proponeva appello, resistito dal Comune: con sentenza depositata il 14.10.03, il Tribunale di Parma rigettava il gravame.

Avverso tale sentenza ha proposto ricorso per cassazione il B., con due motivi, mentre il Comune di Parma ha resistito con controricorso, depositando anche una memoria.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo il ricorrente lamenta la violazione dell'art. 399 reg. esec. C.d.S., e con il secondo quella dell'art. 2697 c.c. Il primo motivo è manifestamente infondato, in quanto l'interpretazione fornita dal giudice di appello del citato art. 399 deve ritenersi assolutamente corretta, atteso che per sua esplicita previsione tale norma si applica esclusivamente "nei casi, previsti dall'art. 216 C.d.S., comma 1, di ritiro dei documenti di circolazione o della patente", e cioè di prevista applicazione della suddetta sanzione amministrativa accessoria, mentre è pacifico che nel caso di specie non si era venuta a creare alcuna situazione che richiedesse l'applicazione della sanzione de qua.

Si rileva, comunque, che, anche nel caso di una interpretazione che estendesse le previsioni dell'art. 399 a tutti i casi di ritiro del documento di circolazione, anche in via di mero fatto, ciononostante dovrebbe comunque escludersene l'applicabilità nel caso i di specie, in considerazione della mancanza di prove circa il fatto presupposto.

Quanto al secondo motivo, esso si traduce soltanto in una generica doglianza circa la valutazione del fatto di causa operata dal Tribunale e deve considerarsi comunque inammissibile, in quanto si risolve in una censura in punto di fatto della sentenza gravata, diretta ad un evidente riesame del merito della causa, pur constatandosi una adeguata e logica motivazione a sostegno della decisione stessa.

Il ricorso va, dunque, rigettato, mentre ricorrono giusti motivi per la compensazione tra le parti delle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e compensa tra le parti le spese del giudizio di cassazione.



Calcolo Termini


Casi specifici
Puoi selezionare un caso specifico, oppure inserire manualmente il termine.
Giorni
Seleziona questa casella solo se l'infrazione è stata immediatamente contestata al trasgressore e tu non sei il trasgressore, ma solo il proprietario del mezzo. Es. Tuo figlio (o un tuo amico) è alla guida del tuo mezzo, lo fermano e gli fanno una multa con lui presente, e poi notificano il verbale a te. In questo caso devi selezionare la casella. Se, invece, tuo figlio (o il tuo amico) non era presente al momento della contestazione (es. aveva lasciato l'auto in divieto di sosta), allora lascia la casella vuota.

ATTENZIONE: Vale solo per le regioni che applicano il termine di prescrizione triennale. Maggiori informazioni

90gg se il luogo della notificazione si trova in Italia, 150gg se si trova all'estero.

45gg se il luogo della notificazione si trova in Italia, 75gg se si trova all'estero.

30gg dalla notifica della sentenza se il luogo della notificazione si trova in Italia, 40gg se si trova all'estero.

60gg se il luogo della notificazione si trova in Italia; 90gg se si trova all'estero.

Giorni
Giorni
Giorni

Inserisci la data in cui doveva essere effettuato il pagamento.

Devi inserire la data in cui l'infrazione al codice della strada è stata accertata. Questa data non sempre coincide con quella in cui la violazione è stata commessa, ma può essere successiva.
Per sapere in che data l'infrazione è stata commessa devi leggere il verbale.
ATTENZIONE: non sempre il verbale deve essere notificato. Leggi qui.


Se vuoi, puoi, usare questo nostro strumento per verificare la regolarità della notifica ed elaborare gratuitamente un ricorso.

Devi inserire la data in cui si è verificata l'ultima interruzione della prescrizione. Questa data è, in genere, quella in cui si è formalizzata la notifica dell'ultimo atto con il quale ti hanno chiesto di pagare (notifica verbale, cartella di pagamento, sollecito ecc.). Oppure, se non ti hanno mai notificato richieste di pagamento, essa coincide con la data in cui hai commesso l'infrazione.

Devi inserire la data in cui la violazione ti è stata personalmente contestata o, in mancanza di contestazione immediata, la data in cui si è formalizzata la notifica del verbale.

Inserisci la data in cui si è formalizzata la notifica dell'atto che intendi impugnare.

Inserisci la data dell'udienza di trattazione.

Inserisci la data dell'udienza.

Inserisci la data dell'udienza di precisazione delle conclusioni o di rimessione al Collegio.

Inserisci la data in cui il tuo ricorso è stato ricevuto. Questa data non necessariamente coincide con quella in cui lo hai inviato, ma può essere successiva.

Inserisci la data in cui l'ordinanza è stata emessa.

Inserisci la data in cui è scaduto il termine per il pagamento o hai ricevuto l'ultimo atto interrutivo.

Inserisci la data in cui è scaduto il termine per il versamento a saldo, generalmente ciò avviene a giugno dell'anno successivo a quello per cui sono versati i contributi, leggi qui.

Se sono stati notificati atti interruttivi, inserisci la data in cui si è formalizzata per il mittente la notifica dell'ultimo che hai ricevuto.

ATTENZIONE: Se i contributi sono precedenti al '96, potrebbe applicarsi il termine decennale. In questo caso, non usare questro calcolatore di termini.

Inserisci la data in cui si è formalizzata per te la notifica dell'avviso di addebito.

Inserisci la data della comunicazione dell’ordinanza di regolamento o dell’ordinanza che dichiara l’incompetenza del giudice adito. ATTENZIONE: solo se il termine non è stato esplicitamente fissato dal giiudice con l'ordinanza.

Inserisci la data dell'udienza in cui il teste deve essere sentito.

Inserisci la data in cui si è formalizzata la notifica della citazione.

Inserisci la data dell'udienza di comparizione

Inserisci la data dell'interrizione del processo.

Inserisci la data di scadenza del termine di costituzione del convenuto o del provvedimento di cancellazione.

Inserisci la data di notifica della sentenza.

Inserisci la data di notifica del precetto.

Inserisci la data del pignoramento.

Inserisci la data in cui l'Ufficiale Giudiziario ha riconsegnato gli atti.

Inserisci la data della comunicazione di avvenuta consegna.

Inserisci la data di notifica del precetto, del titolo esecutivo o del compimento del singolo atto a cui opporsi.

Inserisci la data in cui è passata in giudicato la sentenza di 1° grado o è stata comunicata la sentenza di appello.

Inserisci la data di notifica del decreto ingiuntivo.

Inserisci la data di pronuncia del decreto ingiuntivo

Termine

Il termine è di 10gg.

Il termine è di 5gg.

Termine

Il termine è di 20gg.

Il termine è di 10gg.

Natura del termine
Richiesta di audizione
Inserisci la data in cui si è svolta o si dovrà svolgere l'audizione personale. Se non ti sei presentato, inserisci la data in cui l'audizione era prevista.
Solo per la città di Roma, la legge dispone che il giorno 29 giugno è festivo.
Qui apparirà il risultato

Verificare sempre il calcolo, calendario alla mano. Il responso fornito da questo strumento non equivale a consulenza.

Per segnalare malfunzionamenti o suggerire modifiche, clicca qui.