Page Title

Seleziona la tua regione. Il risultato apparirà a destra.




La prescrizione del bollo auto

A cura dell'Avv.
Il bollo auto si prescrive con il decorso del terzo anno successivo a quello in cui doveva essere effettuato il pagamento.

Attenzione, il termine di tre anni non decorre dal momento in cui si sarebbe dovuto effettuare il pagamento, ma dall'anno successivo a tale momento.

Il termine scade allo scadere del terzo anno, cioè al 31 dicembre.

Per esempio, se dovevi pagare il bollo entro il giorno 10 marzo 2010, allora il termine di tre anni inizierà a decorrere a partire dal 1 gennaio 2011 (anno successivo a quello in cui dovevi effettuare il pagamento) e scadrà il 31 dicembre 2013, cioè allo scadere del terzo anno successivo a quello in cui dovevi effettuare il pagamento.

Il termine triennale in parola è stato prorogato dall'art. 37 della L. 326/03
In particolare, il legislatore ha espressamente prorogato fino al 31 dicembre 2005 i termini di prescrizione dell'imposta di bollo che risultavano in scadenza tra il 25/11/03 e il 31/12/05.

In pratica quindi la proroga si applica ai bolli che dovevano essere pagati nel 2000 e nel 2001 (per i bolli del 2002 la scadenza del termine sarebbe stata comunque al 31/12/05, anche senza proroga).

Questa proroga si applica ai bolli auto di competenza delle regioni che hanno aderito al condono fiscale del 2003. In linea generale, hanno aderito le regioni a quella data amministrate dalla destra, mentre non hanno aderito le regioni amministrate dalla sinistra.

Ed infatti, come noto, il bollo auto è un'imposta versata in favore delle regioni e queste ultime hanno delle limitate possibilità di modificarne la disciplina, in particolare l'ammontare.

Attenzione, però, le regioni non possono in nessun caso modificare il termine di prescrizione, in quanto la relativa disciplina è di competenza esclusiva dello Stato (Corte Costituzionale 296/03). Tuttavia, il legislatore nazionale ha fatto salve le norme regionali, con l'art. 2 comma 22 della L. n.350/03, fino al periodo di imposta 2007 e, successivamente, ha di volta in volta prorogato tale sanatoria fino all'aprile 2012. E' sempre consigliabile, pertanto, verificare la normativa regionale prima di proporre ricorso avverso un atto di accertamento o di riscossione avente ad oggetto l'imposta di registro.
Maggiori informazioni qui


Clicca qui per un esempio di ricorso per prescrizione bollo auto.


Link sponsorizzati

Salve mi è arrivata una

Salve mi è arrivata una notifica da equitalia di un bollo auto del 2009 secondo loro non pagato. ...ma io ho la ricevuta che devo fare

Dovrebbe chiedere ad

Dovrebbe chiedere ad equitalia ed all'organo accertatore di procedere allo sgravio. Se non ottiene risposta entro 60 giorni dalla notifica, impugni l'atto presso la commissione tributaria provinciale.

Egr. Avvocati, il mio caso

Egr. Avvocati,
il mio caso riguarda il mancato pagamento del bollo di circolazione 2005 per la Regione Veneto. Ho ricevuto un avviso di intimazione Equitalia 2 giorni fa, per il pagamento di una cartella esattoriale notificata il 05/04/2011.
La cartella si riferisce appunto a un bollo auto relativo l'anno 2005, ente creditore la regione veneto, e ruolo anno 2010, ordinario e datato 07/09/2010.
Ora leggendo i sui interventi in merito credo che già il ruolo 2010 debba ritenersi non valido, dato la prescrizione dei termini.
Le chiedo pertanto in questo caso come mi devo comportare, se devo rivolgermi a equitalia o alla regione per far valere i miei diritti.

Ringraziano per l'aiuto, Cordiali saluti.

Da quello che racconta il

Da quello che racconta il credito sembra prescritto, essendo trascorsi più di 3 anni dal 05/04/11.

Le consiglio di chiedere l'annullamento in autotutela ad equitalia. Ma se non ottiene ricorso entro breve proponga ricorso alla CTP, entro 60 giorni dalla notifica.

Bollo auto 2009

Anche io ho un problema con il bollo auto 2009. Nel 2008 l'auto è stata portata all'estero in Germania e provveduto alla relativa cancellazione al PRA che è stata effettuata in data 23.10.2009. Avrei dovuto pagare il bollo per l'anno sett.2009-agosto 2010. Nel 2011 mi è arrivato un avviso Dalla Regione Abruzzo per il pagamento, naturalmente non esiste nessuna data nella lettera. Nel 2012 ho ricevuto sempre dalla regione Abruzzo un atto di accertamento questa volta con data Ottobre 2012. Se ho capito bene per la prescrizione, se entro la data di Ottore 2015 non ricevo nessun altro avviso, il bollo si ritiene prescritto?. Nel caso dovessi pagarlo, dalla data di scadenza bollo sett.2009 a quella di cancellazione al PRA ottobre 2009, sono passati solo 20 giorni, perchè devo pagare il bollo per tutto l'anno se ho posseduto il veicolo solo per 20 giorni?
Anche in Germania il bollo auto è una tassa di possesso e viene pagata annualmente, ma se io posseggo il veicolo per 20 giorni, dopo una settimana mi arriva sul mio conto corrente il rimborso dei restanti mesi, lo stesso se posseggo il veicolo per 360 giorni, per i restanti 5 giorni mi arriva il rimborso lo stesso se lo possiedo solo per 1 giorno, il rimborso è automatico non bisogna neanche farne richiesta. Se adottassero la stessa proceduta anche in Italia, forse il bollo sarebbe pagato da più persone.

Avviso di accertamento inviato a vecchio indirizzo di residenza.

Egr. Avvocati,
avendo notato dai commenti la vostra notevole competenza e disponibilità, di cui vi ringrazio vivissimamente, vi espongo il mio caso. Riguarda il mancato pagamento del bollo di circolazione 2008 per la Regione Lombardia. Ho ricevuto la cartella esattoriale circa 30-40gg fà, e chiamando numero verde della Regione e successivamente recandomi lì, mi è stato detto che l'avviso di accertamento era stato mandato nel Nov. 2011 ad un indirizzo al quale pero' non ero piu' residente dal Nov. 2006. Sembrerebbe un caso di prescrizione, se non fosse che la Regione sostiene che essendo l'avviso di accertamento stato consegnato a persona qualificata, per loro la notifica è avvenuta ed è valida. Allo stesso indirizzo successivamente fu inviata una missiva di Poste Italiane che doveva riferirsi a quell'avviso di accertamento (che io non ho mai ricevuto!) e recapitata a mia madre (ivi residente) nella quale si diceva che la persona qualificata in questione era il portiere dello stabile, e che la notifica si considerava pertanto avvenuta. Ma il portiere dello stabile, ne son certo, non e' mai esistito! La Regione sostiene che dovrei pagare la cartella e rivalermi poi sulle Poste e/o chi ha messo la firma, ma tale via mi sembra piuttosto impervia: io sono cresciuto in quello stabile, quindi mi conoscono tutti, e qualcuno puo' aver firmato per farmi un piacere...
Mi sembrerebbe però che siano stati quelli della Regione a generare l'errore iniziale nel mandarimi l'avviso di accertamento in un indirizzo di residenza errato, avendo io appunto cambiato la mia residenza 3 anni prima in altro comune (e provincia)!
Sono abbastanza contrariato e mi sembra un po' ingiusto questo comportamento: basta convincere una qualsiasi persona a fare uno scarabocchio per avergli recapitato la raccomandata, e poi vai a pescare chi può essere stato!
Chi ha ragione, e che cosa mi consigliate di fare?
Sono disposto anche a congruo compenso nel caso poteste aiutarmi a fare ricorso.
Cordiali saluti, e ancora complimenti!

Non è del tutto privo di

Non è del tutto privo di fondamento ciò che le è stato riferito. Infatti, se qualcuno si presenta, per errore o dolosamente, come legittimato a ricevere una notifica per lei, non è colpa del notificatore. Tuttavia, può provare, specialmente se l'importo da pagare è rilevante, ad impugnare l'atto sostenendo la nullità della notifica per essere stata la stessa effettuata presso un indirizzo ormai non più attuale da diverso tempo. E' onere del notificante, infatti, accertare la residenza attuale del destinatario.

L'importo si aggira sui 350€,

L'importo si aggira sui 350€, e come da voi notato è evidente ammanco del notificante inviare un atto ad un indirizzo errato (da fine 2006 a fine 2011 erano circa 5 anni che non ero più residente lì!).
Ma visto che non mi è rimasto tanto tempo, impugnando l'atto si può ottenere la sospensione di provvedimenti coattivi da parte di Equitalia?
Grazie ancora per il vostro sostegno.
Cordiali saluti.
AVD.

Il giudice adito può

Il giudice adito può concendere la sospensione se ne è richiesto e ritiene che sia il caso.

Grazie, ma quali sono le

Grazie, ma quali sono le tempistiche medie di risposta del giudice? Mi era già capitato che Equitalia mi mandasse un avvertimento tipo "l'ulitmo avviso" in tempi molto più rapidi del il giudice del caso si fosse espresso... Che fare in questi casi? Pagare e sperare in un rimborso in caso di ragione? Mi sembra che visto l'importo e come funzionano le cose, la cosa più semplice sia pagarla e togliersi l'incombenza...
Cordiali saluti e Buona Pasqua!
AVD.