Studio Legale Mongiovì

Informazione giuridica a cura dell'Avv. Danilo Mongiovì

Contenuto principale della pagina

Utilizziamo i cookie. Proseguendo con la navigazione accetti. Maggiori informazioni.

Come calcolare i termini




In una serie di due articoli, spiego tutto ciò che c'è da sapere sul calcolo dei termini processuali e non processuali, di prescrizione e di decadenza.

In questo articolo parlerò del calcolo dei termini in generale. Per il calcolo dei termini processuali leggi qui.


La legge, come è noto, spesso dispone che determinati atti debbano essere compiuti entro certi termini. In alcuni casi, il mancato rispetto di tali termini comporta la perdita della possibilità di compiere l'atto o la perdita di un diritto, con effetti, giuridici ed economici, disastrosi sulla sfera giuridica del soggetto.

E' quindi di importanza fondamentale, non solo per avvocati ed altri addetti ai lavori, ma anche per il comune cittadino, conoscere e sapere calcolare i termini.

1. Come si calcolano i termini in generale

La prima cosa che bisogna conoscere per potere calcolare un termine è la data di partenza, cioè il giorno esatto a partire dal quale il termine inizia a decorrere.

I giuristi chiamano la data di partenza "dies a quo". Si tratta di un'espressione latina che vuol dire più o meno "giorno a partire dal quale".

Individuata la data di partenza, bisogna controllare se si tratta di termine a giorni, a mesi o ad anni.

Ed infatti, la legge può stabilire la quantità del termine, facendo riferimento o ai giorni o ai mesi o agli anni del normale calendario.

Stabilito se si tratta di termine a giorni, mesi o anni, bisogna conoscere la direzione del termine. Cioè, bisogna controllare se il termine deve essere calcolato a ritroso o in avanti.

Quando un termine deve essere calcolato a ritroso, bisogna sottrarre, dalla data di partenza i giorni, i mesi o gli anni indicati.

Quando un termine deve essere calcolato in avanti, bisogna aggiungere, dalla data di partenza i giorni, i mesi o gli anni indicati.

1.1 Il termine a giorni

Quando il termine è a giorni, bisogna semplicemente aggiungere o sottrarre i giorni alla data di partenza, contandoli uno per uno, senza contare il giorno di partenza.

Per esempio, se voglio calcolare un termine di 5 giorni in avanti a partire dal 15 gennaio, devo aggiungere 5 giorni, contandoli ad uno ad uno, a partire dal 15 gennaio, senza contare il 15 gennaio, quindi:

  • 15 gennaio (la data iniziale non si conta)
  • 16 gennaio (+1)
  • 17 gennaio (+2)
  • 18 gennaio (+3)
  • 19 gennaio (+4)
  • 20 gennaio (+5)

Il mio termine scadrà il 20 gennaio.

Se voglio calcolare un termine di 5 giorni a ritroso a partire dal 15 gennaio, devo sottrarre 5 giorni, contandoli ad uno ad uno, a partire dal 15 gennaio, senza contare il 15 gennaio, quindi:

  • 15 gennaio (la data iniziale non si conta)
  • 14 gennaio (-1)
  • 13 gennaio (-2)
  • 12 gennaio (-3)
  • 11 gennaio (-4)
  • 10 gennaio (-5)

Il mio termine scadrà il 10 gennaio.

1.2 Il termine a giorni liberi

Quando un termine è a giorni, la legge in alcuni casi dispone che il calcolo sia fatto a giorni liberi.

Nel calcolo di termine a giorni liberi il giorno di arrivo non deve essere computato. Bisogna, cioè, saltare il giorno di arrivo. Ciò avviene, per esempio, per il calcolo di alcuni termini processuali (che spiergherò tra poco) a ritroso.

Un piccolo trucchetto per calcolare i termini a giorni liberi consiste semplicemente nell'aggiungere un giorno al termine indicato. Per esempio, se il termine è 10 giorni liberi, calcola il termine normalmente ma conta 11 giorni e così via.

Calcoliamo, per esempio, un termine di 5 giorni liberi, a ritroso, a partire dal 15 gennaio:

  • 15 gennaio (la data iniziale non si conta)
  • 14 gennaio (-1)
  • 13 gennaio (-2)
  • 12 gennaio (-3)
  • 11 gennaio (-4)
  • 10 gennaio (-5)(bene, questo è il giorno di arrivo, ma trattandosi di giorni liberi lo devo saltare e quindi arrivo al:
  • 09 gennaio (e questa è la data di scadenza del termine

In questo caso, quindi, il mio termine a ritroso di 5 giorni liberi scade il 09 gennaio.
Applicando lo stesso principio, un termine di 5 giorni liberi in avanti, a partire dal 15 gennaio, scadrebbe il 21 gennaio.

1.3 Il termine a mesi

Quando il termine è a mesi, bisogna aggiungere o sottrarre i mesi necessari, al numero del mese della data di partenza, lasciando intatto il giorno della data di partenza.

Per esempio, un termine di 2 mesi, in avanti, a partire dal 15 gennaio si calcola così.

  • 15/01 (questa è la data iniziale)
  • 15/02 (+1 al mese, lasciando il giorno intatto
  • 15/03 (+2 al mese, lasciando il giorno intatto
  • Il mio termine scadrà il 15/03, cioè il 15 marzo.

    Calcoliamo adesso lo stesso termine a ritroso:

  • 15/01 (questa è la data iniziale)
  • 15/12 (-1 al mese, lasciando il giorno intatto
  • 15/11 (-2 al mese, lasciando il giorno intatto
  • Il termine scadrà il 15 novembre dell'anno precedente a quello della data iniziale.

    Quando nel mese di arrivo non è presente il giorno di partenza, allora il termine scade nell'ultimo giorno di quel mese.

    Per esempio, proviamo a calcolare un termine di 1 mese in avanti a partire dal 31 gennaio.

  • 31/01 (questa è la data iniziale)
  • 31/02 (+1 al mese, lasciando il giorno intatto)
  • Ovviamente il 31 febbraio non esiste, pertanto, il termine scadrà il 28 febbraio o il 29 febbraio se l'anno è bisestile.

    Allo stesso modo, un termine di un mese in avanti a partire dal 31 agosto scadrà il 30 settembre, perchè il 31 settembre non esiste.

    La stessa regola si applica nel calcolo a ritroso. Così un termine di un mese a ritroso a partire dal 31 marzo scadrà il 28 o il 29 febbraio.

    1.4 Mai convertire i termini a giorni in termini a mesi o viceversa

    Da quanto ho spiegato fino ad ora, risulta evidente che i termini a giorni e quelli a mesi si calcolano con sistemi differenti e non si deve mai cadere nella tentazione di convertire i termini a giorni in mesi, per esempio pensando che un termine di 90 giorni equivalga ad un termine di 3 mesi; ciò perchè, ovviamente, i mesi non sono tutti di 30 giorni.

    Infatti, un termine di 90 giorni a partire, per esempio, dal 15 marzo 2016, scadrà il 13 giugno 2016, mentre un termine di 3 mesi, a partire dalla stessa data, scadrà il 15 giugno 2016.

    1.5 Il termine ad anni

    Per calcolare un terminead anni , bisogna aggiungere o sottrarre, a seconda della direzione del termine, il numero richiesto di anni dalla data iniziale, lasciando intatti il giorno ed il mese.

    Per esempio 2 anni in avanti a partire dal 15 gennaio 2016:

  • 15/01/2016 (questa è la data iniziale)
  • 15/01/2017 (+1 all'anno, lasciando il giorno ed il mese intatti
  • 15/01/2018 (+2 all'anno, lasciando il giorno ed il mese intatti
  • Il termine scade il 15 gennaio 2018.

    Come avviene per il calcolo a mesi, se il giorno di arrivo non esiste, il termine scade l'ultimo giorno dello stesso mese. Queste situazioni possono verificarsi quando il termine corre da un anno bisestile ad un anno non bisestile o viceversa.

    Per esempio, il 2016 è un anno bisestile, quindi un termine di un anno in avanti a partire dal 29 febbraio 2016 scadrà il 28 febbraio 2017.

    1.6 I giorni festivi

    Quando un termine scade in un giorno festivo, la scadenza è di diritto (cioè automaticamente), prorogata al primo giorno lavorativo utile.

    Come è noto, oltre ai normali giorni festivi previsti dalla legge (2 giugno, 25 e 26 dicembre ecc. ecc.), anche le domeniche sono considerate giorni festivi.

    Facciamo un paio di esempi:

    Il 2 giugno è un giorno festivo, la festa della Repubblica, quindi se un termine scade il 2 giugno, la scadenza è spostata di diritto al primo giorno non festivo utile. Questo può essere il 3 giungo, ma se il 3 giugno è domenica, allora la scadenza sarà prorogata di diritto al 4 giugno.

    Lo stesso meccanismo si applica per i termini a ritroso, con l'ovvia differenza che la proroga andrà indietro e non in avanti.

    Quindi se un termine a ritroso scade il 2 giugno, la scadenza sarà prorogata automaticamente al 1 giugno.

    Per la sola città di Roma, il giorno 29 giugno è considerato festivo, giusta espressa disposizione di legge.

    Tags: 


    Calcolo Termini


    Casi specifici
    Puoi selezionare un caso specifico, oppure inserire manualmente il termine.
    Giorni
    Seleziona questa casella solo se l'infrazione è stata immediatamente contestata al trasgressore e tu non sei il trasgressore, ma solo il proprietario del mezzo. Es. Tuo figlio (o un tuo amico) è alla guida del tuo mezzo, lo fermano e gli fanno una multa con lui presente, e poi notificano il verbale a te. In questo caso devi selezionare la casella. Se, invece, tuo figlio (o il tuo amico) non era presente al momento della contestazione (es. aveva lasciato l'auto in divieto di sosta), allora lascia la casella vuota.

    ATTENZIONE: Vale solo per le regioni che applicano il termine di prescrizione triennale. Maggiori informazioni

    90gg se il luogo della notificazione si trova in Italia, 150gg se si trova all'estero.

    45gg se il luogo della notificazione si trova in Italia, 75gg se si trova all'estero.

    30gg dalla notifica della sentenza se il luogo della notificazione si trova in Italia, 40gg se si trova all'estero.

    60gg se il luogo della notificazione si trova in Italia; 90gg se si trova all'estero.

    Giorni
    Giorni
    Giorni

    Inserisci la data in cui doveva essere effettuato il pagamento.

    Devi inserire la data in cui l'infrazione al codice della strada è stata accertata. Questa data non sempre coincide con quella in cui la violazione è stata commessa, ma può essere successiva.
    Per sapere in che data l'infrazione è stata commessa devi leggere il verbale.
    ATTENZIONE: non sempre il verbale deve essere notificato. Leggi qui.


    Se vuoi, puoi, usare questo nostro strumento per verificare la regolarità della notifica ed elaborare gratuitamente un ricorso.

    Devi inserire la data in cui si è verificata l'ultima interruzione della prescrizione. Questa data è, in genere, quella in cui si è formalizzata la notifica dell'ultimo atto con il quale ti hanno chiesto di pagare (notifica verbale, cartella di pagamento, sollecito ecc.). Oppure, se non ti hanno mai notificato richieste di pagamento, essa coincide con la data in cui hai commesso l'infrazione.

    Devi inserire la data in cui la violazione ti è stata personalmente contestata o, in mancanza di contestazione immediata, la data in cui si è formalizzata la notifica del verbale.

    Inserisci la data in cui si è formalizzata la notifica dell'atto che intendi impugnare.

    Inserisci la data dell'udienza di trattazione.

    Inserisci la data dell'udienza.

    Inserisci la data dell'udienza di precisazione delle conclusioni o di rimessione al Collegio.

    Inserisci la data in cui il tuo ricorso è stato ricevuto. Questa data non necessariamente coincide con quella in cui lo hai inviato, ma può essere successiva.

    Inserisci la data in cui l'ordinanza è stata emessa.

    Inserisci la data in cui è scaduto il termine per il pagamento o hai ricevuto l'ultimo atto interrutivo.

    Inserisci la data in cui è scaduto il termine per il versamento a saldo, generalmente ciò avviene a giugno dell'anno successivo a quello per cui sono versati i contributi, leggi qui.

    Se sono stati notificati atti interruttivi, inserisci la data in cui si è formalizzata per il mittente la notifica dell'ultimo che hai ricevuto.

    ATTENZIONE: Se i contributi sono precedenti al '96, potrebbe applicarsi il termine decennale. In questo caso, non usare questro calcolatore di termini.

    Inserisci la data in cui si è formalizzata per te la notifica dell'avviso di addebito.

    Inserisci la data della comunicazione dell’ordinanza di regolamento o dell’ordinanza che dichiara l’incompetenza del giudice adito. ATTENZIONE: solo se il termine non è stato esplicitamente fissato dal giiudice con l'ordinanza.

    Inserisci la data dell'udienza in cui il teste deve essere sentito.

    Inserisci la data in cui si è formalizzata la notifica della citazione.

    Inserisci la data dell'udienza di comparizione

    Inserisci la data dell'interrizione del processo.

    Inserisci la data di scadenza del termine di costituzione del convenuto o del provvedimento di cancellazione.

    Inserisci la data di notifica della sentenza.

    Inserisci la data di notifica del precetto.

    Inserisci la data del pignoramento.

    Inserisci la data in cui l'Ufficiale Giudiziario ha riconsegnato gli atti.

    Inserisci la data della comunicazione di avvenuta consegna.

    Inserisci la data di notifica del precetto, del titolo esecutivo o del compimento del singolo atto a cui opporsi.

    Inserisci la data in cui è passata in giudicato la sentenza di 1° grado o è stata comunicata la sentenza di appello.

    Inserisci la data di notifica del decreto ingiuntivo.

    Inserisci la data di pronuncia del decreto ingiuntivo

    Termine

    Il termine è di 10gg.

    Il termine è di 5gg.

    Termine

    Il termine è di 20gg.

    Il termine è di 10gg.

    Natura del termine
    Richiesta di audizione
    Inserisci la data in cui si è svolta o si dovrà svolgere l'audizione personale. Se non ti sei presentato, inserisci la data in cui l'audizione era prevista.
    Solo per la città di Roma, la legge dispone che il giorno 29 giugno è festivo.
    Qui apparirà il risultato

    Verificare sempre il calcolo, calendario alla mano. Il responso fornito da questo strumento non equivale a consulenza.

    Per segnalare malfunzionamenti o suggerire modifiche, clicca qui.

    Chi è on-line

    There are currently 0 users online.