Studio Legale Mongiovì

Informazione giuridica a cura dell'Avv. Danilo Mongiovì

Contenuto principale della pagina



Utilizziamo i cookie. Proseguendo con la navigazione accetti. Maggiori informazioni.

Cassazione Civile, sez. II, 19-01-2007, n. 1253




Cassazione Civile, sez. II, 19-01-2007, n. 1253

FATTO E DIRITTO

L'ANAS s.p.a. ricorre, nei confronti di C.A., avverso la sentenza in data 3.18-2-04 del Giudice di Pace di Isernia,che ne ha accolto l'opposizione ex art. 204 bis C.d.S. contro il verbale elevato il (OMISSIS), sulla strada statale n. (OMISSIS) in territorio comunale di (OMISSIS), per violazione dell'art. 22, comma 11 cit. cod., "perchè manteneva in esercizio un accesso preesistente senza munirsi della prescritta autorizzazione dell'Ente proprietario della strada".

L'intimato non si è costituito.

L'impugnazione,sulla conforme richiesta del P.G.,deve essere accolta ex art. 375 c.p.c., comma 2 per la manifesta fondatezza dell'unico motivo, deducente violazione e falsa applicazione L. n. 689 del 1981, art. 22, comma 11, artt. 2697 e 2700 c.c.,con connesse carenze della motivazione.

Il giudice di merito è pervenuto all'impugnata decisione assolutoria,essenzialmente ritenendo che non sussistesse prova che a realizzare l'accesso al fondo di proprietà dell'opponente fosse stato quest'ultimo,che la formulazione della norma prevedente l'illecito ascritto, indicando quale destinatario del precetto "chiunque" e non "il proprietario" frontista,non autorizza a considerare quest'ultimo, a meno di non voler ravvisare un'ipotesi di responsabilità oggetti va, gravato dell'obbligo di munirsi dell'autorizzazione all'accesso, ove da altri realizzatole peraltro,essendo il varco utilizzabile anche per accedere al fondo privato dalla strada pubblicar non solo viceversa,sarebbe stata l'ANAS a doversi munire dell'autorizzazione del privato; ancor più illegittimo sarebbe, pertanto, l'ordine, "che l'impugnato verbale commina", di ripristino dello stato dei luoghi.

Le suesposte argomentazioni come evidenziato in ricorso dall'avvocatura erariale, sono tutte palesemente prive di fondamento giuridico e di logica, per il seguente ordine di considerazioni:

a) l'illecito amministrativo previsto e sanzionato dall'art. 22 C.d.S., comma 11 è "a fattispecie alternative", prevedendo varie condotte, ciascuna delle quali è di per se sufficiente a configurarne gli estremi; nell'ambito di tale previsione, accanto a quella di "chiunque apre accessi ... etc. senza l'autorizzazione ..." figura l'ipotesi alternativa ("oppure") di chi "mantiene in esercizio accessi preesistenti privi di autorizzazione": evidente, è dunque, come ai fini della configurabilità di tale condottaci tipo omissivo o, comunque, statico, sia indifferente, a differenza che nell'altro caso (di condotta "commissiva"), la circostanza che l'accesso preesistente (che, ai sensi del comma 2, anche se già autorizzato, deve essere regolarizzato in base alle nuove disposizioni) sia stato eventualmente realizzato da persone diverse dall'attuale proprietario o possessore del fondo frontista;

b) l'indicazione del destinatario del precetto in "chiunque", se induce ad escludere che l'illecito sia c.d. "proprio" (cioè tale da richiedere una particolare qualità personale del soggetto attivo o una specifica relazione giuridica con la cosa cui si riferisce l'obbligo), ben potendo essere ascritto anche a soggetti diversi dal proprietario, che abbiano, in concreto e ad altro titolo, la disponibilità giuridica e materiale del fondo servito dall'accesso non autorizzato,non comporta tuttavia l'onere,a carico della P.A. titolare della pretesa sanzionatoria, di dimostrare che la condotta nella specie omissiva, sia specificamente ascrivibile al proprietario, dovendo ciò presumersi, in considerazione dell'ampiezza delle facoltà dominicali e della spettanza, di regola, al titolare, della disponibilità suddetta,presunzione superabile solo in concorso di specifica prova, il cui onere incombe sul proprietario e che, nella specie, non risulta siano stati addotti in altri termini,chiunque sia proprietario di un fondo servito da un accesso preesistente, ha l'obbligo di regolarizzarlo e soggiace, in caso di inosservanza, alle relative sanzioni, non a titolo di responsabilità oggettiva, ma per volontaria o colposa inosservanza del suindicato precetto a meno che non dimostri che altri avesse la disponibilità dell'immobile;

c) la considerazione, secondo la quale l'accesso potrebbe (teoricamente) servire anche all'ANAS, per l'ingresso nel fondo, è palesemente metagiuridica e del tutto irrilevante agli effetti dell'operatività del precetto sopra evidenziato;

d) per quanto riguarda, infine, l'obbligo di ripristino trattasi di sanzione accessoria che consegue ex lege (art. 22, comma 11 cit., parte seconda) all'accertamento della violazione e che, ai sensi dell'art. 211 C.d.S., comma 1 deve essere menzionata nel verbale di contestazione,costituente titolo (ove non opposto o giudizialmente confermato) anche per l'applicazione della stessa.

La sentenza impugnata va, pertanto, cassata, con rinvio all'ufficio a quo (in persona di diverso magistrato) reso necessario dalla necessità dell'esame di altri motivi di opposizione, enunciati nella narrativa della sentenza, ma non esaminati, per la ravvisata natura assorbente di quelli accoltici regolamento delle spese del presente giudizio viene, infine, demandato al giudice del rinvio.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per la pronunzia sulle spese del giudizio di cassazione, al Giudice di Pace di Isernia,in persona di diverso magistrato.



Calcolo Termini


Casi specifici
Puoi selezionare un caso specifico, oppure inserire manualmente il termine.
Giorni
Seleziona questa casella solo se l'infrazione è stata immediatamente contestata al trasgressore e tu non sei il trasgressore, ma solo il proprietario del mezzo. Es. Tuo figlio (o un tuo amico) è alla guida del tuo mezzo, lo fermano e gli fanno una multa con lui presente, e poi notificano il verbale a te. In questo caso devi selezionare la casella. Se, invece, tuo figlio (o il tuo amico) non era presente al momento della contestazione (es. aveva lasciato l'auto in divieto di sosta), allora lascia la casella vuota.

ATTENZIONE: Vale solo per le regioni che applicano il termine di prescrizione triennale. Maggiori informazioni

90gg se il luogo della notificazione si trova in Italia, 150gg se si trova all'estero.

45gg se il luogo della notificazione si trova in Italia, 75gg se si trova all'estero.

30gg dalla notifica della sentenza se il luogo della notificazione si trova in Italia, 40gg se si trova all'estero.

60gg se il luogo della notificazione si trova in Italia; 90gg se si trova all'estero.

Giorni
Giorni
Giorni

Inserisci la data in cui doveva essere effettuato il pagamento.

Devi inserire la data in cui l'infrazione al codice della strada è stata accertata. Questa data non sempre coincide con quella in cui la violazione è stata commessa, ma può essere successiva.
Per sapere in che data l'infrazione è stata commessa devi leggere il verbale.
ATTENZIONE: non sempre il verbale deve essere notificato. Leggi qui.


Se vuoi, puoi, usare questo nostro strumento per verificare la regolarità della notifica ed elaborare gratuitamente un ricorso.

Devi inserire la data in cui si è verificata l'ultima interruzione della prescrizione. Questa data è, in genere, quella in cui si è formalizzata la notifica dell'ultimo atto con il quale ti hanno chiesto di pagare (notifica verbale, cartella di pagamento, sollecito ecc.). Oppure, se non ti hanno mai notificato richieste di pagamento, essa coincide con la data in cui hai commesso l'infrazione.

Devi inserire la data in cui la violazione ti è stata personalmente contestata o, in mancanza di contestazione immediata, la data in cui si è formalizzata la notifica del verbale.

Inserisci la data in cui si è formalizzata la notifica dell'atto che intendi impugnare.

Inserisci la data dell'udienza di trattazione.

Inserisci la data dell'udienza.

Inserisci la data dell'udienza di precisazione delle conclusioni o di rimessione al Collegio.

Inserisci la data in cui il tuo ricorso è stato ricevuto. Questa data non necessariamente coincide con quella in cui lo hai inviato, ma può essere successiva.

Inserisci la data in cui l'ordinanza è stata emessa.

Inserisci la data in cui è scaduto il termine per il pagamento o hai ricevuto l'ultimo atto interrutivo.

Inserisci la data in cui è scaduto il termine per il versamento a saldo, generalmente ciò avviene a giugno dell'anno successivo a quello per cui sono versati i contributi, leggi qui.

Se sono stati notificati atti interruttivi, inserisci la data in cui si è formalizzata per il mittente la notifica dell'ultimo che hai ricevuto.

ATTENZIONE: Se i contributi sono precedenti al '96, potrebbe applicarsi il termine decennale. In questo caso, non usare questro calcolatore di termini.

Inserisci la data in cui si è formalizzata per te la notifica dell'avviso di addebito.

Inserisci la data della comunicazione dell’ordinanza di regolamento o dell’ordinanza che dichiara l’incompetenza del giudice adito. ATTENZIONE: solo se il termine non è stato esplicitamente fissato dal giiudice con l'ordinanza.

Inserisci la data dell'udienza in cui il teste deve essere sentito.

Inserisci la data in cui si è formalizzata la notifica della citazione.

Inserisci la data dell'udienza di comparizione

Inserisci la data dell'interrizione del processo.

Inserisci la data di scadenza del termine di costituzione del convenuto o del provvedimento di cancellazione.

Inserisci la data di notifica della sentenza.

Inserisci la data di notifica del precetto.

Inserisci la data del pignoramento.

Inserisci la data in cui l'Ufficiale Giudiziario ha riconsegnato gli atti.

Inserisci la data della comunicazione di avvenuta consegna.

Inserisci la data di notifica del precetto, del titolo esecutivo o del compimento del singolo atto a cui opporsi.

Inserisci la data in cui è passata in giudicato la sentenza di 1° grado o è stata comunicata la sentenza di appello.

Inserisci la data di notifica del decreto ingiuntivo.

Inserisci la data di pronuncia del decreto ingiuntivo

Termine

Il termine è di 10gg.

Il termine è di 5gg.

Termine

Il termine è di 20gg.

Il termine è di 10gg.

Natura del termine
Richiesta di audizione
Inserisci la data in cui si è svolta o si dovrà svolgere l'audizione personale. Se non ti sei presentato, inserisci la data in cui l'audizione era prevista.
Solo per la città di Roma, la legge dispone che il giorno 29 giugno è festivo.
Qui apparirà il risultato

Verificare sempre il calcolo, calendario alla mano. Il responso fornito da questo strumento non equivale a consulenza.

Per segnalare malfunzionamenti o suggerire modifiche, clicca qui.