Studio Legale Mongiovì

Informazione giuridica a cura dell'Avv. Danilo Mongiovì

Contenuto principale della pagina

Utilizziamo i cookie. Proseguendo con la navigazione accetti. Maggiori informazioni.

Esempio ricorso congiunto separazione personale




Abbiamo già parlato precedentemente delle modifiche introdotte dal legislatore nella disciplina della separazione e del divorzio

Le norme di riferimento sono gli artt. 150 c.c. e 711 c.p.c.

In particolare, l’art. 150 c.c. prevede:

E’ ammessa la separazione personale dei coniugi. La separazione può essere giudiziale o consensuale.
Il diritto di chiedere la separazione giudiziale o la omologazione di quella consensuale spetta esclusivamente ai coniugi.

La separazione può dunque essere pronunciata dal Tribunale su istanza di uno dei coniugi, qualora i coniugi non concordino sulla regolamentazione dei rapporti patrimoniali e con i figli.

Dal momento che si tratta di un diritto personale, il legislatore ha stabilito che la separazione possa essere richiesta esclusivamente dalle parti, e dunque non può essere richiesta da un rappresentante (ad es. dal tutore per conto dell’interdetto).

Si sottopone ai lettori un esempio di ricorso a firma congiunta dei coniugi per separazione consensuale.

Tribunale di _________

RICORSO CONGIUNTO PER LA SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI

Del Sig. ............................... nato il ........................... a ........................... c.f. ......................... e della Sig.ra ............................... nata il ........................... a ........................... c.f. ........................... entrambi residenti in ...................................................... elettivamente domiciliati presso lo studio dell’avv. ........................., c.f. ……………, p.e.c. …………., fax …………….., con studio in ........................... e dal quale sono entrambi rappresentati, per procura a margine (o in calce) al presente atto.

PREMESSO

1 – In data .............................................. i coniugi _____ hanno contratto matrimonio civile (o concordatario) trascritto all’ufficio dello stato civile, atti di matrimonio al n. ....................................del Comune di.............................
2 – Con il trascorrere del tempo la convivenza tra i coniugi è divenuta intollerabile per incompatibilità di carattere.
3 – Dalla loro unione sono nati: ..................................
4 – Gli istanti godono del regime di comunione legale dei seguenti beni mobili ed immobili che di seguito si descrivono: .....................................................................................................
5 – Il Sig. svolge la professione di …………….….. ed è titolare di un reddito annuo pari ad euro …………….. (Si allegano dichiarazioni dei redditi degli ultimi tre anni).
6 – La Sig.ra svolge la professione di …………….….. ed è titolare di un reddito annuo pari ad euro …………….. (Si allegano dichiarazioni dei redditi degli ultimi tre anni) oppure la Sig.ra _______ non svolge alcuna attività lavorativa in quanto ha provveduto sempre alla cura della famiglia.
7 – La casa familiare è di proprietà di entrambi i coniugi.
Tanto premesso, a norma dell’art. 150 c.c. e dell’art. 711 c.p.c.

CHIEDONO

All’adito Tribunale, esperito il tentativo di conciliazione, di dichiarare la separazione personale dei coniugi alle seguenti

CONDIZIONI

1 – i coniugi vivranno separatamente dalla data di sottoscrizione del presente atto, con obbligo di reciproco rispetto.
2 – i figli sono affidati congiuntamente ad entrambi i coniugi;
3 – i figli pernotteranno con la madre nella casa coniugale che è assegnata alla moglie ed ai figli. Il padre potrà esercitare il diritto di visita nei confronti dei figli con le seguenti modalità……..;
4 – per il mantenimento della moglie e dei figli sono stabilite le seguenti somme: ............................................ da pagarsi entro il …………. di ogni mese;
5 – il godimento dei beni mobili ed immobili è così regolato: .....................................................;
6 – Le spese e le tasse relative all’uso e godimento dell’abitazione (enel, gas, acqua, spazzatura, impost patrimoniale), sono poste a carico di entrambi i coniugi in parti uguali.
7 – Le spese mediche straordinarie per i figli sono stabilite nella misura del 50% per ogni genitore.
8 – Le vacanze di Natale, saranno suddivise alternativamente come segue: …………….; circa le vacanze di Pasqua: la domenica di Pasqua con un genitore ed il lunedì con l’altro, per anni alterni.
9 – Le vacanze estive dei figli, possono essere concordate di comune accordo fra i genitori, compatibilmente con il lavoro svolto; visto l’affidamento congiunto è sempre necessario il consenso di entrambi i genitori per eventuali viaggi o spostamenti. I coniugi si impegnano reciprocamente a comunicare detti spostamenti.
10 – I coniugi reciprocamente si impegnano a comunicare i cambi di residenza, nell’interesse della prole. I coniugi reciprocamente si impegnano a comunicare il numero di cellulare per consentire le comunicazioni nell’interesse della prole.
11 – I ricorrenti chiedono di disporre la trasmissione della sentenza all’ufficio dello stato civile di ............................, affinché proceda alle annotazioni prescritte ai sensi dell’art. 69 del d.P.R. 396/2000.

DOCUMENTI:
1) atto di matrimonio;
2) stato di famiglia;
3) visure catastali casa coniugale;
4) dichiarazioni dei redditi (ultimi tre anni).

DICHIARAZIONE DEL VALORE DELLA CAUSA
Si dichiara che il procedimento è soggetto a contributo di iscrizione a ruolo ex art. 13, comma 1, lett. a), d.P.R. 115/2002 pari a 43,00€.
Luogo e data ......................... Avv. …………………………….

MANDATO

Deleghiamo a rappresentarci e difenderci in ogni stato e grado del presente procedimento l’avv. ....
..............................., conferendo ampia facoltà come per legge.
Eleggiamo domicilio presso il suo studio in via .............................
Autorizziamo il trattamento dei dati personali ex d.lgs. 196/2003.
Sig.___________
Sig.ra___________

Vera la firma
Avv. ………....……...……………………………

Il ricorso andrà depositato presso il Tribunale ove i coniugi hanno la residenza.



Calcolo Termini


Casi specifici
Puoi selezionare un caso specifico, oppure inserire manualmente il termine.
Giorni
Seleziona questa casella solo se l'infrazione è stata immediatamente contestata al trasgressore e tu non sei il trasgressore, ma solo il proprietario del mezzo. Es. Tuo figlio (o un tuo amico) è alla guida del tuo mezzo, lo fermano e gli fanno una multa con lui presente, e poi notificano il verbale a te. In questo caso devi selezionare la casella. Se, invece, tuo figlio (o il tuo amico) non era presente al momento della contestazione (es. aveva lasciato l'auto in divieto di sosta), allora lascia la casella vuota.

ATTENZIONE: Vale solo per le regioni che applicano il termine di prescrizione triennale. Maggiori informazioni

90gg se il luogo della notificazione si trova in Italia, 150gg se si trova all'estero.

45gg se il luogo della notificazione si trova in Italia, 75gg se si trova all'estero.

30gg dalla notifica della sentenza se il luogo della notificazione si trova in Italia, 40gg se si trova all'estero.

60gg se il luogo della notificazione si trova in Italia; 90gg se si trova all'estero.

Giorni
Giorni
Giorni

Inserisci la data in cui doveva essere effettuato il pagamento.

Devi inserire la data in cui l'infrazione al codice della strada è stata accertata. Questa data non sempre coincide con quella in cui la violazione è stata commessa, ma può essere successiva.
Per sapere in che data l'infrazione è stata commessa devi leggere il verbale.
ATTENZIONE: non sempre il verbale deve essere notificato. Leggi qui.


Se vuoi, puoi, usare questo nostro strumento per verificare la regolarità della notifica ed elaborare gratuitamente un ricorso.

Devi inserire la data in cui si è verificata l'ultima interruzione della prescrizione. Questa data è, in genere, quella in cui si è formalizzata la notifica dell'ultimo atto con il quale ti hanno chiesto di pagare (notifica verbale, cartella di pagamento, sollecito ecc.). Oppure, se non ti hanno mai notificato richieste di pagamento, essa coincide con la data in cui hai commesso l'infrazione.

Devi inserire la data in cui la violazione ti è stata personalmente contestata o, in mancanza di contestazione immediata, la data in cui si è formalizzata la notifica del verbale.

Inserisci la data in cui si è formalizzata la notifica dell'atto che intendi impugnare.

Inserisci la data dell'udienza di trattazione.

Inserisci la data dell'udienza.

Seleziona questa casella se il giudice ha fissato un giorno iniziale successivo a quello dell'udienza.

Inserisci la data dell'udienza di precisazione delle conclusioni o di rimessione al Collegio.

Inserisci la data in cui il tuo ricorso è stato ricevuto. Questa data non necessariamente coincide con quella in cui lo hai inviato, ma può essere successiva.

Inserisci la data in cui l'ordinanza è stata emessa.

Inserisci la data in cui è scaduto il termine per il pagamento o hai ricevuto l'ultimo atto interrutivo.

Inserisci la data in cui è scaduto il termine per il versamento a saldo, generalmente ciò avviene a giugno dell'anno successivo a quello per cui sono versati i contributi, leggi qui.

Se sono stati notificati atti interruttivi, inserisci la data in cui si è formalizzata per il mittente la notifica dell'ultimo che hai ricevuto.

ATTENZIONE: Se i contributi sono precedenti al '96, potrebbe applicarsi il termine decennale. In questo caso, non usare questro calcolatore di termini.

Inserisci la data in cui si è formalizzata per te la notifica dell'avviso di addebito.

Inserisci la data della comunicazione dell’ordinanza di regolamento o dell’ordinanza che dichiara l’incompetenza del giudice adito. ATTENZIONE: solo se il termine non è stato esplicitamente fissato dal giiudice con l'ordinanza.

Inserisci la data dell'udienza in cui il teste deve essere sentito.

Inserisci la data in cui si è formalizzata la notifica della citazione.

Inserisci la data dell'udienza di comparizione

Inserisci la data dell'interrizione del processo.

Inserisci la data di scadenza del termine di costituzione del convenuto o del provvedimento di cancellazione.

Inserisci la data di notifica della sentenza.

Inserisci la data di notifica del precetto.

Inserisci la data del pignoramento.

Inserisci la data in cui l'Ufficiale Giudiziario ha riconsegnato gli atti.

Inserisci la data della comunicazione di avvenuta consegna.

Inserisci la data di notifica del precetto, del titolo esecutivo o del compimento del singolo atto a cui opporsi.

Inserisci la data in cui è passata in giudicato la sentenza di 1° grado o è stata comunicata la sentenza di appello.

Inserisci la data di notifica del decreto ingiuntivo.

Inserisci la data di pronuncia del decreto ingiuntivo

Termine

Il termine è di 10gg.

Il termine è di 5gg.

Termine

Il termine è di 20gg.

Il termine è di 10gg.

Natura del termine
Richiesta di audizione
Inserisci la data in cui si è svolta o si dovrà svolgere l'audizione personale. Se non ti sei presentato, inserisci la data in cui l'audizione era prevista.
Solo per la città di Roma, la legge dispone che il giorno 29 giugno è festivo.
Qui apparirà il risultato

Verificare sempre il calcolo, calendario alla mano. Il responso fornito da questo strumento non equivale a consulenza.

Per segnalare malfunzionamenti o suggerire modifiche, clicca qui.

Chi è on-line

There are currently 0 users online.