Studio Legale Mongiovì

Informazione giuridica a cura dell'Avv. Danilo Mongiovì

Contenuto principale della pagina

Utilizziamo i cookie. Proseguendo con la navigazione accetti. Maggiori informazioni.

Commissione Tributaria di Varese - Equitalia non può avere avvocato?




E' di questi giorni la notizia, che ha fatto molto scalpore, di una sentenza della CTP di Varese (la 310/17), in base alla quale, l'Agente per la riscossione non avrebbe il diritto di farsi assistere da un avvocato nel processo tributario, in quanto l'art. 11 del D.Lgs. 546/92 imporrebbe alla stessa di stare in giudizio direttamente.

La notizia mi sembra frutto di grande confusione nel senso che in tutti i siti di informazione giuridica in cui l'ho letta mi è sembrata malamente riportata. In particolare pare che l'articolista di turno abbia puntualmente frainteso il senso della sentenza.

Se posso, cerco di evitare di commentare le sentenze delle CTP perchè, con tutto il rispetto, hanno autorevolezza pari a zero (spesso sono redatte da soggetti che non hanno nemmeno la laurea in giurisprudenza), tuttavia in alcuni casi non ci si può esimere.

Bene, ritiene la CTP di Varese che:

  1. L'art. 11 cit. I comma, per come novellato, dice, non testualmente, le parti private possono stare in giudizio attraverso procuratore speciale o generale;
  2. Il secondo comma dello stesso articolo dice che l'Agenzia delle entrate, delle dogane e Agente per la riscossione stanno in giudizio direttamente;
  3. Ergo, l'Agente per la riscossione non può stare in giudizio per il tramite di un procuratore speciale.

Innanzitutto sgomberiamo il campo dalla confusione che hanno fatto praticamente tutti i siti in cui la sentenza è stata riportata.

La CTP ha stabilito che l'Agente non può stare in giudizio per il tramite di procuratore speciale o generale, non che non possa farsi assistere e rappresentare da un avvocato.

Insomma, una cosa è la procura generale o speciale (che ognuno di noi può conferire ad un terzo per il compimento di uno o più atti giuridici, quali per esempio l'atto consistente nel nominare un avvocato per la rappresentanza in giudizio in un determinato processo) altra cosa è la procura alle liti.

Nel caso di specie, Equitalia aveva conferito procura speciale ad un soggetto e questo soggetto aveva nominato, in virtù di quella procura, due avvocati che rappresentassero l'Agente in giudizio.

La CTP ha ritenuto vietato il conferimento della procura al primo soggetto, non quello della procura ad litem agli avvocati.

Probabilmente la confusione è nata dal fatto che il procuratore speciale fosse a sua volta un avvocato, ma in realtà questo è un dato irrilevante, in quanto poteva benissimo anche non esserlo.

Quindi la CTP, non ha detto: Equitalia non può farsi difendere dagli avvocati. Ha detto: Equitalia non può conferire procura a terzi affichè questi nominino avvocati.

Chiarito quindi che cosa la CTP abbia realmente stabilito, c'è da dire che comunque la sentenza mi pare assolutamente non condivisibile.

Ed infatti, dubito si possa derivare dal primo comma dell'art. 11 cit. il divieto in parola. Semmai, l'art. citato sembra avere la ratio ed il senso di risparmiare alle parti private del processo tributario i limiti e le formalità previste dall'art. 77 c.p.c. in base al quale è sempre richiesta la forma dell'atto pubblico per il conferimento della procura e comunque questa deve essere conferita anche per l'aspetto sostanziale dell'affare e risultare da una formula espressa.

Ma non vedo, tuttavia, cosa impedisca di applicare il suddetto art. 77 alle parti diverse da quelle private.
In altre parole, l'art. 11 è da leggersi nel senso che le parti private possono attribuire a terzi la rappresentanza processuale, mediante procura speciale o generale anche senza i limiti e le formalità di cui all'art. 77 c.p.c., mentre tali limiti e formalità si applicheranno alle altre parti.

In ogni caso, la CTP sembra essere incorsa in grave omissione in quanto non ha applicato l'ultimo comma dell'art. 12 del D.Lgs. 546/92, in virtù del quale si applica l'art. 182 c.p.c.

Cioè, la CTP - convintasi (erroneamente) che la costituzione di Equitalia non era regolare - lungi dall'accogliere il ricorso del contribuente, avrebbe dovuto, in applicazione dell'art. 182 c.p.c. dare ad Equitalia un termine per rinnovare la costituzione con le modalità ritenute corrette.



Calcolo Termini


Casi specifici
Puoi selezionare un caso specifico, oppure inserire manualmente il termine.
Giorni
Seleziona questa casella solo se l'infrazione è stata immediatamente contestata al trasgressore e tu non sei il trasgressore, ma solo il proprietario del mezzo. Es. Tuo figlio (o un tuo amico) è alla guida del tuo mezzo, lo fermano e gli fanno una multa con lui presente, e poi notificano il verbale a te. In questo caso devi selezionare la casella. Se, invece, tuo figlio (o il tuo amico) non era presente al momento della contestazione (es. aveva lasciato l'auto in divieto di sosta), allora lascia la casella vuota.

ATTENZIONE: Vale solo per le regioni che applicano il termine di prescrizione triennale. Maggiori informazioni

90gg se il luogo della notificazione si trova in Italia, 150gg se si trova all'estero.

45gg se il luogo della notificazione si trova in Italia, 75gg se si trova all'estero.

30gg dalla notifica della sentenza se il luogo della notificazione si trova in Italia, 40gg se si trova all'estero.

60gg se il luogo della notificazione si trova in Italia; 90gg se si trova all'estero.

Giorni
Giorni
Giorni

Inserisci la data in cui doveva essere effettuato il pagamento.

Devi inserire la data in cui l'infrazione al codice della strada è stata accertata. Questa data non sempre coincide con quella in cui la violazione è stata commessa, ma può essere successiva.
Per sapere in che data l'infrazione è stata commessa devi leggere il verbale.
ATTENZIONE: non sempre il verbale deve essere notificato. Leggi qui.


Se vuoi, puoi, usare questo nostro strumento per verificare la regolarità della notifica ed elaborare gratuitamente un ricorso.

Devi inserire la data in cui si è verificata l'ultima interruzione della prescrizione. Questa data è, in genere, quella in cui si è formalizzata la notifica dell'ultimo atto con il quale ti hanno chiesto di pagare (notifica verbale, cartella di pagamento, sollecito ecc.). Oppure, se non ti hanno mai notificato richieste di pagamento, essa coincide con la data in cui hai commesso l'infrazione.

Devi inserire la data in cui la violazione ti è stata personalmente contestata o, in mancanza di contestazione immediata, la data in cui si è formalizzata la notifica del verbale.

Inserisci la data in cui si è formalizzata la notifica dell'atto che intendi impugnare.

Inserisci la data dell'udienza di trattazione.

Inserisci la data dell'udienza.

Inserisci la data dell'udienza di precisazione delle conclusioni o di rimessione al Collegio.

Inserisci la data in cui il tuo ricorso è stato ricevuto. Questa data non necessariamente coincide con quella in cui lo hai inviato, ma può essere successiva.

Inserisci la data in cui l'ordinanza è stata emessa.

Inserisci la data in cui è scaduto il termine per il pagamento o hai ricevuto l'ultimo atto interrutivo.

Inserisci la data in cui è scaduto il termine per il versamento a saldo, generalmente ciò avviene a giugno dell'anno successivo a quello per cui sono versati i contributi, leggi qui.

Se sono stati notificati atti interruttivi, inserisci la data in cui si è formalizzata per il mittente la notifica dell'ultimo che hai ricevuto.

ATTENZIONE: Se i contributi sono precedenti al '96, potrebbe applicarsi il termine decennale. In questo caso, non usare questro calcolatore di termini.

Inserisci la data in cui si è formalizzata per te la notifica dell'avviso di addebito.

Inserisci la data della comunicazione dell’ordinanza di regolamento o dell’ordinanza che dichiara l’incompetenza del giudice adito. ATTENZIONE: solo se il termine non è stato esplicitamente fissato dal giiudice con l'ordinanza.

Inserisci la data dell'udienza in cui il teste deve essere sentito.

Inserisci la data in cui si è formalizzata la notifica della citazione.

Inserisci la data dell'udienza di comparizione

Inserisci la data dell'interrizione del processo.

Inserisci la data di scadenza del termine di costituzione del convenuto o del provvedimento di cancellazione.

Inserisci la data di notifica della sentenza.

Inserisci la data di notifica del precetto.

Inserisci la data del pignoramento.

Inserisci la data in cui l'Ufficiale Giudiziario ha riconsegnato gli atti.

Inserisci la data della comunicazione di avvenuta consegna.

Inserisci la data di notifica del precetto, del titolo esecutivo o del compimento del singolo atto a cui opporsi.

Inserisci la data in cui è passata in giudicato la sentenza di 1° grado o è stata comunicata la sentenza di appello.

Inserisci la data di notifica del decreto ingiuntivo.

Inserisci la data di pronuncia del decreto ingiuntivo

Termine

Il termine è di 10gg.

Il termine è di 5gg.

Termine

Il termine è di 20gg.

Il termine è di 10gg.

Natura del termine
Richiesta di audizione
Inserisci la data in cui si è svolta o si dovrà svolgere l'audizione personale. Se non ti sei presentato, inserisci la data in cui l'audizione era prevista.
Solo per la città di Roma, la legge dispone che il giorno 29 giugno è festivo.
Qui apparirà il risultato

Verificare sempre il calcolo, calendario alla mano. Il responso fornito da questo strumento non equivale a consulenza.

Per segnalare malfunzionamenti o suggerire modifiche, clicca qui.

Chi è on-line

There are currently 0 users online.