Studio Legale Mongiovì

Informazione giuridica a cura dell'Avv. Danilo Mongiovì

Contenuto principale della pagina

Utilizziamo i cookie. Proseguendo con la navigazione accetti. Maggiori informazioni.

Comunicazione di vendita di immobile ad uso diverso da abitazione




La comunicazione di vendita di immobile ad uso diverso da abitazione

A norma dell'art. 38, comma 1, legge n. 392/1978, quando il proprietario di un immobile locato ad uso diverso da quello abitativo (ad uso commerciale) intenda trasferire il bene a titolo oneroso (cioè venderlo), deve darne preventiva comunicazione al conduttore.

Ciò al fine di permettere al conduttore di esercitare il proprio diritto di prelazione, che consiste nel diritto, appunto, ad essere preferito, rispetto a terzi, come acquirente dell'immobile, a parità di condizioni.

In altre parole, se il conduttore è disposto ad acquistare il bene allo stesso prezzo ed alle stesse condizioni del terzo, allora il locatore/proprietario deve necessariamente vendere il bene al conduttore.

Da qui la necessità della comunicazione.

Essa deve contenere:

1) Il corrispettivo, espresso in denaro;
2) Tutte le altre condizioni della vendita;
3) L'invito ad esercitare il proprio diritto di prelazione;

In pratica, è come se il locatore dovesse inviare il contratto già predisposto, che poi il conduttore potrà accettare o meno.

La comunicazione deve essere notificata attraverso Ufficiale Giudiziario. E' necessario quindi recarsi presso gli uffici dell'Ufficiale Giudiziario con l'originale e la copia della comunicazione, sulle quali sarà buona norma apporre la relata di notifica (cfr. il modello da noi proposto più in basso).

L'ufficiale giudiziario si recherà all'indirizzo indicato e consegnerà la copia dell'atto al destinatario, secondo le norme di legge.

Dopo qualche giorno si potrà tornare negli uffici dell'Ufficiale Giudiziario per ritirare l'originale dell'atto, ove sarà indicato a chi e come è stata consegnata la copia (cioè sarà compilata la relata di notifica).

E' da dire, comunque, che la Corte di Cassaazione, con sentenza n. 20807/10 ha stabilito che la comunicazione può avvenire anche con mezzi equipollenti alla notifica.
Tali mezzi sono quelli che consentono una sicura prova circa la ricezione della comunicazione, come, per esempio, l'invio di una raccomandata con ricevuta di ritorno.

La comunicazione deve provenire necessariamente dal proprietario dell'immobile.

Nel caso in cui l'immobile appartenga a più comproprietari, la comunicazione deve provenire da ognuno di essi. Questo significa che o tutti i proprietari inviano la comunicazione al conduttore, oppure la comunicazione è inviata da uno solo di essi, che però agisca su procura scritta anche degli altri.

Nel caso in cui l'immobile sia locato a più conduttori, la comunicazione deve essere inviata ad ognuno di essi.

Infine, nel caso in cui la comunicazione non sia validamente inviata o non contenga le indicazioni prescritte, l'effetto è che il conduttore non decade dal proprio diritto di prelazione.


Un esempio di comunicazione di vendita di immobile ad uso diverso da abitazione

Il sottoscritto __________________, nato a ____________, residente in _____________, domiciliato ai fini del presente atto in ______________________, in qualità di proprietario dell'immobile sito in ______________,

Comunica


Di avere posto in vendita l'appartamento sopra descritto, da Lei condotto in locazione con contratto del __________, con scadenza il ______________.

L'immobile è in vendita al prezzo di _____, ed alle seguenti condizioni:


(Riportare qui tutte le condizioni di vendita, come per esempio, modalità e tempi di versamento del prezzo e del trasferimento del possesso ecc. ecc. In altre parole è opportuno riportare l'intero contratto per come predisposto dal venditore.)



Si invita la S.V. ad esercitare il diritto di prelazione alle condizioni sopra riportate, entro 60 giorni dalla notifica del presente atto e nei modi di modi di legge che di seguito si riportano (art. 38 L. 27 luglio 1978 n. 392 comma 3 e comma 4):
«Il conduttore deve esercitare il diritto di prelazione entro il termine di sessanta giorni dalla ricezione della comunicazione, con atto notificato al proprietario a mezzo di ufficiale giudiziario, offrendo condizioni uguali a quelle comunicategli.
Ove il diritto di prelazione sia esercitato, il versamento del prezzo di acquisto, salvo diversa condizione indicata nella comunicazione del locatore, deve essere effettuato entro il termine di trenta giorni decorrenti dal sessantesimo giorno successivo a  quello dell'avvenuta notificazione della presente comunicazione contestualmente alla stipulazione del contratto di compravendita o del contratto preliminare».



Data e firma

Relata di Notifica

Ad istanza come in atti, io sottoscritto Ufficiale Giudiziario, addetto all'Ufficio Notifiche presso la Corte di Appello di _______ ho notificato il presente atto a: (indicare qui nome e cognome del conduttore ed il suo indirizzo), ivi consegnandone copia a mani di


L'ufficiale Giudiziario



Il conduttore, nel caso in cui volesse esercitare il diritto di prelazione deve comunicarlo, con notifica, al proprietario entro 60 giorni dalla ricezione della comunicazione. Il prezzo deve essere versato entro 30 giorni dalla scadenza dei 60 giorni successivi alla ricezione della comunicazione (quindi entro 90 giorni dalla ricezione). Ma il proprietario può indicare termini diversi.



Commenti

Gentile Avvocato,

 

volevo sapere cosa succede in questa ipotesi:

- Il locatore/proprietario dell' immobile ha gia' inviato la comunicazione di vendita dell'immobile , ma non ancora trascorsi i 60 giorni , il conduttore fa una cessione del ramo d'azienda, e il nuovo conduttore subentra' anche nel contratto di locazione esistente;

- Il Ex-conduttore effettua la comunicazione al locatore della cessione dell'azienda e che nel rapporto di locazione è subentrato il Nuovo conduttore;

 

Il locatore che intende vendere l'immobile deve ri-fare la comunicazione di vendita al nuovo conduttore, e così riparte i 60 GG per il nuovo conduttore i tempi per decidere se esercitare o meno il diritto di prelazione??

Oppure il locatore non ha l'obbligo di rinvio della comunicazione prevista per il diritto di prelazione, ma solo una mera comunicazione che ha inviato al precedente conduttore del diritto di prelazione e che ha diritto con i tempi rimasti di scadenza per l'esercizio del diritto di prelazione?

 

Grazie, Buon Lavoro 

Pagine

Calcolo Termini


Casi specifici
Puoi selezionare un caso specifico, oppure inserire manualmente il termine.
Giorni
Seleziona questa casella solo se l'infrazione è stata immediatamente contestata al trasgressore e tu non sei il trasgressore, ma solo il proprietario del mezzo. Es. Tuo figlio (o un tuo amico) è alla guida del tuo mezzo, lo fermano e gli fanno una multa con lui presente, e poi notificano il verbale a te. In questo caso devi selezionare la casella. Se, invece, tuo figlio (o il tuo amico) non era presente al momento della contestazione (es. aveva lasciato l'auto in divieto di sosta), allora lascia la casella vuota.

ATTENZIONE: Vale solo per le regioni che applicano il termine di prescrizione triennale. Maggiori informazioni

90gg se il luogo della notificazione si trova in Italia, 150gg se si trova all'estero.

45gg se il luogo della notificazione si trova in Italia, 75gg se si trova all'estero.

30gg dalla notifica della sentenza se il luogo della notificazione si trova in Italia, 40gg se si trova all'estero.

60gg se il luogo della notificazione si trova in Italia; 90gg se si trova all'estero.

Giorni
Giorni
Giorni

Inserisci la data in cui doveva essere effettuato il pagamento.

Devi inserire la data in cui l'infrazione al codice della strada è stata accertata. Questa data non sempre coincide con quella in cui la violazione è stata commessa, ma può essere successiva.
Per sapere in che data l'infrazione è stata commessa devi leggere il verbale.
ATTENZIONE: non sempre il verbale deve essere notificato. Leggi qui.


Se vuoi, puoi, usare questo nostro strumento per verificare la regolarità della notifica ed elaborare gratuitamente un ricorso.

Devi inserire la data in cui si è verificata l'ultima interruzione della prescrizione. Questa data è, in genere, quella in cui si è formalizzata la notifica dell'ultimo atto con il quale ti hanno chiesto di pagare (notifica verbale, cartella di pagamento, sollecito ecc.). Oppure, se non ti hanno mai notificato richieste di pagamento, essa coincide con la data in cui hai commesso l'infrazione.

Devi inserire la data in cui la violazione ti è stata personalmente contestata o, in mancanza di contestazione immediata, la data in cui si è formalizzata la notifica del verbale.

Inserisci la data in cui si è formalizzata la notifica dell'atto che intendi impugnare.

Inserisci la data dell'udienza di trattazione.

Inserisci la data dell'udienza.

Seleziona questa casella se il giudice ha fissato un giorno iniziale successivo a quello dell'udienza.

Inserisci la data dell'udienza di precisazione delle conclusioni o di rimessione al Collegio.

Inserisci la data in cui il tuo ricorso è stato ricevuto. Questa data non necessariamente coincide con quella in cui lo hai inviato, ma può essere successiva.

Inserisci la data in cui l'ordinanza è stata emessa.

Inserisci la data in cui è scaduto il termine per il pagamento o hai ricevuto l'ultimo atto interrutivo.

Inserisci la data in cui è scaduto il termine per il versamento a saldo, generalmente ciò avviene a giugno dell'anno successivo a quello per cui sono versati i contributi, leggi qui.

Se sono stati notificati atti interruttivi, inserisci la data in cui si è formalizzata per il mittente la notifica dell'ultimo che hai ricevuto.

ATTENZIONE: Se i contributi sono precedenti al '96, potrebbe applicarsi il termine decennale. In questo caso, non usare questro calcolatore di termini.

Inserisci la data in cui si è formalizzata per te la notifica dell'avviso di addebito.

Inserisci la data della comunicazione dell’ordinanza di regolamento o dell’ordinanza che dichiara l’incompetenza del giudice adito. ATTENZIONE: solo se il termine non è stato esplicitamente fissato dal giiudice con l'ordinanza.

Inserisci la data dell'udienza in cui il teste deve essere sentito.

Inserisci la data in cui si è formalizzata la notifica della citazione.

Inserisci la data dell'udienza di comparizione

Inserisci la data dell'interrizione del processo.

Inserisci la data di scadenza del termine di costituzione del convenuto o del provvedimento di cancellazione.

Inserisci la data di notifica della sentenza.

Inserisci la data di notifica del precetto.

Inserisci la data del pignoramento.

Inserisci la data in cui l'Ufficiale Giudiziario ha riconsegnato gli atti.

Inserisci la data della comunicazione di avvenuta consegna.

Inserisci la data di notifica del precetto, del titolo esecutivo o del compimento del singolo atto a cui opporsi.

Inserisci la data in cui è passata in giudicato la sentenza di 1° grado o è stata comunicata la sentenza di appello.

Inserisci la data di notifica del decreto ingiuntivo.

Inserisci la data di pronuncia del decreto ingiuntivo

Termine

Il termine è di 10gg.

Il termine è di 5gg.

Termine

Il termine è di 20gg.

Il termine è di 10gg.

Natura del termine
Richiesta di audizione
Inserisci la data in cui si è svolta o si dovrà svolgere l'audizione personale. Se non ti sei presentato, inserisci la data in cui l'audizione era prevista.
Solo per la città di Roma, la legge dispone che il giorno 29 giugno è festivo.
Qui apparirà il risultato

Verificare sempre il calcolo, calendario alla mano. Il responso fornito da questo strumento non equivale a consulenza.

Per segnalare malfunzionamenti o suggerire modifiche, clicca qui.

Chi è on-line

There are currently 0 users online.